Mimosa polycarpa var. spegazzinii Burkart

 Fabaceae, Mimosoideae

La caratteristica principale di questo arbusto sudamericano è la sua straordinaria "sensibilità". Come la specie posta al lato, Mimosa sensitiva L., specie rampicante procombente sempreverde lunga circa 2 metri e originaria dell'America tropicale, reagisce in tempo reale alle sollecitazioni tattili, del vento o del fuoco. La principale ragione è la difesa dagli insetti fitofagi che arrivati sulla foglia, una volta richiusasi e piegato il picciolo verso il basso, scivolano inevitabilmente cadendo al suolo. Stessa situazione si profila con una sollecitazione legata al vento; in questo caso la pianta evita la defogliazione da strappo dei lembi fogliari. Queste due particolari specie mettono con evidenza in crisi il principio e luogo comune che le piante siano esseri viventi privi di movimento, scuotendo la concezione aristotelica che le inquadra appena un gradino sopra le pietre. Dopo pochi minuti, a pericolo cessato, la foglia ritorna alla sua posizione originaria. Il termine botanico di questa peculiarità, comune anche ad alcune piante insettivore, è "Sismonastia". La pianta è originaria dell'Argentina, Bolivia, Brasile e Paraguay e la sottospecie è stata nominata in ricordo del botanico italo-argentino Carlo Luigi Spegazzini (1858-1926), insigne micologo e studioso di piante succulente sudamericane.

Orto Botanico

Università degli Studi di Palermo

Via Lincoln, 2

90133 PALERMO, Italia

Codice Fiscale 80023730825, Partita IVA 00605880822

 

091 23891236 - 091 23891249

ortobotanico@unipa.it

botanica@unipa.it