Collezioni

Un orto botanico si differenzia da un qualsiasi altro giardino perché le sue collezioni, oltre ad essere disposte secondo canoni estetici e identificate scientificamente, sono per lo più ordinate per criteri scientifici, prevalentemente secondo ordinamenti sistematici, biologici, geografici ed ecologici.

I circa 10 ettari su cui l'Orto si estende possono essere schematicamente suddivisi in ordinamenti e settori alcuni risalenti alla fondazione, altri creati in seguito all’ultimo ampliamento dei primi anni del secolo scorso, altri ancora risalenti a 15-20 anni fa, risultato della grande opera di arricchimento delle collezioni intrapresa a partire dagli anni ‘90 del secolo scorso.

I più importanti, sia per l’entità delle piante presenti sia per l’estensione, sono quelli a carattere sistematico, il sistema di Linneo, quello di Engler, il Palmetum e il Cycadetum.

Il totale dei reperti in piena terra delle collezioni scientifiche dell’Orto Botanico di Palermo ha una consistenza rilevata in circa 3500 individui riferibili a 1692 taxa specifici e infraspecifici diversi.

Si è ritenuto necessario aggiornare questo numero perché nel corso degli ultimi anni, esso ha sicuramente subito delle forti fluttuazioni dovute a svariati motivi riconducibili principalmente ai cambiamenti microclimatici dell’Orto, delle risorse disponibili, alla creazione di nuovi settori e alla dismissione di altri, al naturale decorso vitale di alcune specie e, in ultimo, agli effetti disastrosi dei non più rari eventi meteorologici durante il periodo invernale.

In quest’ottica, si è resa necessaria, quindi, avviare oltre che una verifica sulla consistenza reale delle collezioni, una loro revisione tassonomica e nomenclaturale, lavoro non certamente immediato e di facile soluzione considerato il costante sviluppo delle conoscenze nel campo della sistematica e della tassonomia che ha portato alla modifica dei nomi di numerosi taxa.

1

2

3

4

7

5

6

9

12

11

10

8

13

14

15

16

17

La diversità vegetale dell’Orto Botanico dell’Università di Palermo, coltivata in piena terra, ammonta a 1692 taxa specifici e infraspecifici.

La componente fanerogamica e quella pteridofitica è rappresentata, rispettivamente da 1675 e da 17 specie differenti.

Esattamente si contano 166 famiglie rappresentate da 616 generi, 1507 specie, 19 sottospecie, 86 varietà, 6 forme e 56 nototaxa.  Tra le Gymnospermae si contano 12 famiglie, 24 generi e 164 taxa specifici e infraspecifici. Le famiglie più rappresentate sono Zamiaceae (65 specie e 6 generi), Cupressaceae (28 specie, 4 generi), Cycadaceae (26 specie, 1 genere), Pinaceae (23 specie, 3 generi).

Le Angiosperme monocodiletoni (Liliopsida) ammontano a 31 famiglie. Tra queste Arecaceae (117 specie, 42 generi), Agavaceae (42 specie, 4 generi), Aloaceae (29 specie, 1 genere) e le Poaceae (24 specie, 14 generi).

Le Angiosperme dicotiledoni (Magnoliopsida) sono, ovviamente, le più numerose: 115 famiglie. Tra queste Leguminosae (117 specie, 43 generi), Cactaceae (49 specie, 15 generi), Verbenaceae (48 specie, 9 generi) e Rutaceae (43 specie, 15 generi).

Orto Botanico

Università degli Studi di Palermo

Via Lincoln, 2

90133 PALERMO, Italia

Codice Fiscale 80023730825, Partita IVA 00605880822

 

091 23891236

ortobotanico@unipa.it

botanica@unipa.it