Settore sperimentale

L’Orto botanico di Palermo, fin dalle sue origini, ha dedicato ampio spazio all’introduzione e all’acclimatazione di piante utili di interesse alimentare, medicinale, ornamentale e tessile. Pertanto, lo spazio sperimentale in seno all’Orto fu il cuore dell’ex Giardino Coloniale fondato nel 1913 da Antonino Borzì, poi disattivato nel 1975.

In esso si coltivano, tuttora, piante tropicali e subtropicali sottoposte a studi, già conclusi o in corso, condotti nell’istituzione palermitana. In totale si hanno circa 357 individui e 111 specie di 42 famiglie e 65 generi diversi. Tra questi figurano il cotone (Gossypium sp. pl.), agrumi, canna da zucchero (Saccharum officinarum), sorgo zuccherino (Sorghum saccharatum), ramiè (Bohemeria nivea) e altre piante, fra cui Argania spinosa originaria del Marocco e, ancora, Sechium edule, Carica quercifolia, Plectranthus pseudomarrubioides, Cucumis metuliferus, specie di Cynara, la coloquintide (Citrullus colocynthis), la sisal (Agave sisalana), il kenaf (Hibiscus cannabinus) e l’aleurite (Aleurites moluccana).

Una interessantissima collaborazione tra Orto Botanico e Cupitur – azienda agricola leader in Italia nella produzione di frutta e piante tropicali - ultimamente ha consentito di realizzare un particolare frutteto tropicale con la messa a dimora di circa 40 esemplari di circa 20 cultivar di diverse specie dei generi Inga, Annona, Chrysophyllum, Spondias, Artabotrys, Musa, Cyphomandra, Plinia, Syzygium, Lawsonia, Pogostemon e Pouteria. Anni dopo l’introduzione della papaya, l’Orto Botanico di Palermo può quindi vantare una collezione in piena terra e all’aperto di piante come le custard apple (la mela annona), il litchi, la carambola (star fruit) e il babaco.

L’Orto botanico anche possiede diverse collezioni storiche di generi come Citrus e Plumeria. La coltivazione degli agrumi, iniziata all’epoca della fondazione, è stata incrementata in questo settore fino a raggiungere, per il genere Citrus, la presenza di 159 individui appartenenti a 24 specie e 49 cultivar diverse.

Anche il genere Plumeria, pianta originaria del Centroamerica, diffusissima a Palermo già dalla fine dell’800, coltivato nei pressi della serra delle Cactacee è ben rappresentato. Di Plumeria rubra si contano ben 18 varietà diverse con fioriture che vanno dal giallo al porpora.

 

Orto Botanico

Università degli Studi di Palermo

Via Lincoln, 2

90133 PALERMO, Italia

Codice Fiscale 80023730825, Partita IVA 00605880822

 

091 23891236

ortobotanico@unipa.it

botanica@unipa.it